Home
- Sciechimiche.org
- Osservando il Cielo
- Scie di Condensazione
- DOCUMENTAZIONE
- H.A.A.R.P.
- Analisi e Chimica
- Scie Chimiche
- Ipotesi
- Disinformazione
- Iniziative
- Materiale Informativo
- FotoGallery
- VideoGallery
- Non esistono
- Articoli & Pubblicazioni
- Chemtrails.it
- Approfondimenti
- GuestBook
- Links
- Download
- Citazioni
* Libreria Online *
* Ricerca nel Sito *
* Mappa del Sito *
Licenza

 Prima di utilizzare i contenuti di questo sito leggere il disclaimer.

ChemBlog Tag
news
foto & video
iniziative
spazio utenti
materiale informativo
disinformazione
cambiamento climatico
Le ultime foto inviate dagli utenti

Inviateci le vostre foto all'indirizzo:

sciechimichegmail

www.flickr.com

Annunci
scie chimiche

scie chimiche

scie chimiche
Home arrow Benvenuti su sciechimiche.org
Benvenuti su sciechimiche.org Stampa E-mail

Da oltre dieci anni, i nostri cieli sono caratterizzati da lunghe scie bianche. Sono le scie degli aerei, ovviamente: lo sanno anche i bambini! E' risaputo, infatti, che gli aerei rilasciano al loro passaggio delle scie bianche: si chiamano "scie di condensazione", "contrails" in inglese.

Si tratta di un fenomeno del tutto naturale. I gas caldi (mix tra vapore acqueo e gas combusti) che fuoriescono dai motori degli aerei venendo a contatto con l'aria fredda dell'atmosfera innescano il processo della condensazione: il vapore acqueo si trasforma in piccoli cristalli di ghiaccio soggetti all'evaporazione. Per la loro natura, le scie di condensazione si dissolvono in circa 30-50 secondi (in casi particolari posso permanere nell'aria per pochi minuti) e pertanto non possono essere lunghe.

Essendo un fenomeno del tutto naturale, le scie di condensazione seguono determinate leggi fisiche, le quali si possono riassumere in tre principali condizioni fondamentali:
- quote superiori agli 8000 metri;
- umidità relativa non inferiore al 70%;
- temperatura inferiore ai -40 °C.
(Questi valori si possono trovare nelle definizioni di "contrails" riportate da alcuni manuali di meteorologia, da Wikipedia, dai siti della NASA, FAA, NOAA, EPA e US Air Force.)

Le scie che possiamo vedere tutti i giorni, però, sono scie particolari, del tutto diverse dalle scie di condensazione. Non servono titoli di studio particolari per rendersene conto: è sufficiente alzare lo sguardo al cielo.
scie chimiche - chemtrails

Queste scie sono molto lunghe e molto persistenti: alcune di esse si estendono da orizzonte a orizzonte e permangono nell'aria addirittura per molte ore. Altre assumono comportamenti strani: nella loro lunghezza svaniscono in alcuni tratti ma permangono in altri, oppure si espandono a dismisura o ancora si espandono "a tratti". Inconsueto e improbabile fenomeno se si trattasse di semplice vapore acqueo.

scie chimiche - chemtrails

In alcuni giorni si possono contare nell'arco di un'ora decine e decine di scie e in altri giorni si può assistere alla formazione di veri e propri reticolati nel cielo. Queste scie sono state avvistate anche fuori dalle rotte degli aerei di linea, a quote improbabili per gli aerei di linea e in spazi aerei non consentiti al traffico civile e/o commerciale.

sciechimiche03

 

A questo punto viene naturale chiedersi: se sono scie degli aerei, di quali aerei si tratta e soprattutto… che tipo di scie sono? E' evidente che non sono scie di condensazione. Quindi… che cosa sono? Da cosa sono composte?

scie chimiche - chemtrails


Lo scopo di questo sito è quello di informare, argomentare e fornire spunti di approfondimento su un un fenomeno tanto reale quanto screditato. Le scie chimiche: strane strisce bianche e permanenti lasciate dagli aerei, molto diverse dalle normali scie di condensazione.

L'argomento viene trattato partendo dalle percezioni visive di ognuno di noi e spiegando perché tali scie appaiono così strane, in che cosa si distinguono dalle scie di condensazione, i motivi per cui vengono denominate "chemtrails", quali sono i documenti ad esse connesse, quali potrebbero essere gli effetti sulla nostra salute e quali sono le ipotesi della loro presenza nei nostri cieli.

I contenuti sito spaziano in diversi campi: dallo studio della fisica alle nozioni basilari di aeronautica, dalla chimica alla politica, dalla medicina all'economia, dall'analisi della società attuale alle nuove tecnologie del futuro. Trattare questi argomenti così diversi tra loro è indispensabile per comprendere meglio il fenomeno delle chemtrails, soprattutto per rendersi conto che non si tratta né di fantasie e né di strane teorie.

Se non avete mai sentito parlare di scie chimiche o siete dubbiosi o scettici a riguardo, speriamo di fornirvi utili chiarimenti sul fenomeno. Se invece ne siete già al corrente, speriamo di fornirvi ulteriore materiale di approfondimento.

Leggendo le pagine di questo sito è probabile che vi sorgeranno dei dubbi e che vi porrete delle domande. Sciechimiche.org è un semplice sito fatto da semplici persone, comuni cittadini, proprio come voi. Si pone molte domande, proprio come voi. E proprio come voi vorrebbe delle risposte. Dal momento che "ufficialmente" le chemtrails non esistono, non esistono nemmeno dichiarazioni ufficiali sul loro utilizzo, pertanto sciechimiche.org non vi potrà fornire delle risposte certe.

Ciò che possiamo fare è condividere i nostri dubbi, le nostre perplessità riguardo una disinformazione mediatica sempre più incalzante e condividere le nozioni apprese attraverso un lungo lavoro di ricerca.

Sciechimiche.org quindi non fornisce risposte ma, informando, pone dubbi e domande. Per quanto riguarda le risposte… bisognerebbe rivolgersi ad altri, ad esempio a chi sostiene fermamente che ciò che sta accadendo nel cielo sopra le nostre teste sia un fenomeno del tutto normale.

Sciechimiche.org considera le scie chimiche una realtà e non ha alcuna intenzione di convincere gli utenti sull'esistenza delle stesse. Questo sito fornisce semplicemente del materiale informativo. Dopo averlo visionato, ognuno potrà trarre le proprie conclusioni.

Ringraziamo chiunque ci aiuti a far emergere l'informazione sulle scie chimiche e vi invitiamo a seguire il nostro forum e il nostro blog.

Lo Staff di sciechimiche.org