Home
- Sciechimiche.org
- Osservando il Cielo
- Scie di Condensazione
- DOCUMENTAZIONE
- H.A.A.R.P.
- Analisi e Chimica
- Scie Chimiche
- Ipotesi
- Disinformazione
- Iniziative
- Materiale Informativo
- FotoGallery
- VideoGallery
- Non esistono
- Articoli & Pubblicazioni
- Chemtrails.it
- Approfondimenti
- GuestBook
- Links
- Download
- Citazioni
* Libreria Online *
* Ricerca nel Sito *
* Mappa del Sito *
Licenza

 Prima di utilizzare i contenuti di questo sito leggere il disclaimer.

ChemBlog Tag
news
foto & video
iniziative
spazio utenti
materiale informativo
disinformazione
cambiamento climatico
Le ultime foto inviate dagli utenti

Inviateci le vostre foto all'indirizzo:

sciechimichegmail

www.flickr.com

Annunci
scie chimiche

scie chimiche

scie chimiche
Home arrow ChemBlog arrow disinformazione arrow I complottisti, Focus e sciechimiche.org
I complottisti, Focus e sciechimiche.org Stampa E-mail
08 Dic, 2007 at 07:53 AM

Non essendo d'accordo né con gli esperti e né con i complottisti di Focus, questo articolo vuole far conoscere un terzo punto di vista sul problema delle scie chimiche: quello di sciechimiche.org.

  ***


Ieri, 7 dicembre 2007, è uscito il nuovo numero della rivista Focus. La sezione "Scienza" è stata dedicata al fenomeno delle scie chimiche.

Visti i precedenti, non ci aspettavamo certo un articolo serio, scientifico e credibile. E infatti Focus non ha deluso le nostre aspettative. L'articolo pubblicato è un insieme di insinuazioni e falsità che offendono l'intelligenza e la capacità di osservazione di chiunque.

L'articolo in questione ha per titolo "Il complotto delle scie" e questo già la dice lunga su quanto si leggerà in seguito. Tutto l'articolo si basa sul confronto "equo" tra ciò che dicono "i complottisti" o "alcuni" contro ciò che dicono "gli esperti" o "gli scienziati"; senza specificare né chi siano i primi e né chi siano i secondi.

Se non avevate mai sentito parlare di scie chimiche prima dell'articolo di Focus e siete giunti qui (digitando "scie chimiche" su un motore di ricerca) spinti dalla curiosità di leggere quali sono queste teorie del complotto, con sommo dispiacere vi annunciamo che avete sbagliato sito. Sciechimiche.org tratta il fenomeno delle scie chimiche in modo serio, partendo dalle percezioni visive e obiettive di tutti noi, mostrando i documenti che ci sono alla base del fenomeno e condividendo con tutti le nostre perplessità.

Ma andiamo con ordine.

Secondo Focus i punti essenziali sono 3:

"1. Nel 1997 è nata una nuova "teoria": i cieli sono pieni di scie chimiche, frutto di un complotto internazionale"
"2. Le scie conterrebbero sostanze come sodio e bario (che sono state usate in passato, ma a scopi scientifici)."
"3. Gli esperti garantiscono che non ci sono pericoli: dovremmo piuttosto ridurre le scie e le emissioni degli aerei normali."

Secondo sciechimiche.org:

1. Dalla metà degli anni '90 molte persone hanno iniziato a notare in cielo delle scie anomale. In seguito sono state effettuate delle analisi chimiche. [1]
2. Dalle analisi chimiche è stata riscontrata un'alta percentuale di sostanze chimiche quali ossidi di alluminio e Sali di bario. [2]
3. Tali sostanze sono dannose per la nostra salute soprattutto se assimilate in quantità elevata. [3]

 
Precisiamo che le foto riportate in questo articolo non sono le stesse pubblicate da Focus. Le prime pagine dell'articolo "scientifico" sulle scie chimiche sono commenti di alcune foto, come ad esempio:

sciechimiche01"Aerogeometrie…

I complottisti dicono che le "scie chimiche" si distinguono perché disegnano figure geometriche (come queste negli Usa) che non corrispondono a nessuna rotta.

Gli esperti sostengono che è un effetto prospettico: ci sono moltissime aerovie che si incrociano o che seguono percorsi paralleli"

Focus dimentica di dire che queste "griglie" nel cielo sono state viste anche in zone dove il traffico aereo è riservato ai voli militari. Senza andare troppo lontano, è sufficiente considerare cosa accade in Sardegna. (V. questa pagina)

Facendo attenzione ai termini usati, inoltre, non si può non notare come il trafiletto (e l'articolo intero) sia appositamente tendenzioso. "Le scie chimiche si distinguono perché disegnano figure geometriche che non corrispondono a nessuna rotta". Le scie chimiche non si distinguono certo per questo motivo ma per altri fattori. Ciò che le rende diverse dalle scie di condensazione sono: lunghezza, espansione, anomalie e comportamenti che non rispettano le leggi della fisica. [4] [5]

  sciechimiche12
"…e ghirigori
Secondo i complottisti non esistono rotte curve: scie come queste (in Gran Bretagna) sono causate da aerei che spruzzano deliberatamente agenti chimici.

Per gli esperti può trattarsi di tracce lasciate da aviogetti durante uno show, o di formazioni dovute a vortici in quota."

Secondo sciechimiche.org, invece, esistono rotte curve e "per motivi di urgenza, un volo circolare con scia al seguito è possibile che accada, ma non così spesso come capita di vedere." [6]

Le foto, riportate nella nostra Fotogallery, nelle quali si vedono scie circolari non sono state scattate durante uno show

 

branching%20out

"Nubi-mammella

Secondo i complottisti, nubi così strane sono artificiali e il loro aspetto è dovuto alle sostanze utilizzate per produrle.

Per i meteorologi sono "mammatus", strutture a forma di seno che si creano sotto nubi temporalesche, quando un flusso di aria calda in salita incontra una zona umida e fredda."

Secondo sciechimiche.org, invece, le mammatus clouds (nuvole mammarie) sono formazioni nuvolose naturali e molto rare, visibili solitamente dopo tornado e tempeste. Fenomeni rari che però si verificano sempre più frequentemente, anche in Italia e senza che ci siano stati tornadi o violente tempeste. (Foto e video di Mammatus)

 

Tra le varie foto, Focus commenta uno strato nuvoloso particolare ma, a nostro parere di origine naturale nonostante siano insolite. La rivista invece sostiene che: 

"Onde "anomale"
Secondo la teoria del complotto nemmeno queste nubi sono naturali.

I climatologi, però, ribattono che queste onde si formano in presenza di due strati di aria che scorrono uno sopra l'altro con velocità opposte, generando una vorticosità nota come "instabilità di Kelvin-Helmholtz"."

 

haarp03 "Il centro di tutto
Il complotto, secondo alcuni, ha un cuore: questo centro in Alaska, il cui vero scopo sarebbe il controllo del clima e la creazione di onde elettromagnetiche per il controllo mentale delle masse.

Le autorità Usa spiegano che si tratta semplicemente di un esperimento scientifico (chiamato Haarp), che coinvolge molte università, per lo studio delle telecomunicazioni militari e civili."

Secondo sciechimiche.org il centro di tutto non è H.A.A.R.P. Il coinvolgimento di H.A.A.R.P fa parte delle ipotesi sull'utilizzo delle scie chimiche. Ipotesi basate su documenti ufficiali. Gli "alcuni" menzionati da Focus non sono altro che il Parlamento europeo e il Parlamento russo.

Nella relazione sull'ambiente depositata il 14 gennaio 1999 sulla sicurezza e la politica estera della commissione per gli affari esteri, il Parlamento Europeo si dimostra preoccupato per l'utilizzo delle risorse militari (in particolare del sistema HAARP) che arrecano danni irreparabili all'ambiente. In questo documento, il sistema H.A.A.R.P. viene descritto come:

"La commissione per la protezione dell'ambiente, la sanità pubblica e la tutela dei consumatori: considera il SISTEMA MILITARE USA di manipolazione ionosferica, H.A.A.R.P., con base in Alaska - che è solo una parte dello sviluppo e dell'impiego di armi elettromagnetiche ai fini della sicurezza sia interna che esterna - un esempio della più grave minaccia militare emergente per l'ambiente globale e la salute umana, dato che esso cerca di manipolare a scopi militari la sezione della biosfera altamente sensibile ed energetica, mentre tutte le sue conseguenze non sono chiare."

Nel 2002, il Parlamento Russo, la Duma, rilascia un documento nel quale si legge:

"[H.A.A.R.P. è, ndr] un esperimento su vasta scala, e al di fuori di ogni controllo internazionale, per guastare gli apparecchi di comunicazione installati su mezzi e missili spaziali: un'arma capace di provocare gravi interruzioni sulle reti elettriche, sugli apparecchi di pompaggio degli oleodotti e di provocare danni alla salute mentale di popolazioni di intere regioni."

 

Proseguiamo con le didascalie.

pic85079"Con la paraffina
I complottisti accusano: in cielo compaiono messaggi subliminali.

Gli esperti: sono scritte pubblicitarie di fumo bianco prodotte da piccoli aerei vaporizzando olio di paraffina."

A differenza di ciò che affermano i complottisti menzionati da Focus, sciechimiche.org ritiene che in cielo non compaiono messaggi subliminali ma messaggi pubblicitari. Come ad esempio è avvenuto qualche mese fa negli USA: i cieli si riempirono di scritte che riportavano la frase "lei chi sceglierà?". Atro non era che un'originale promozione di un film in uscita nelle sale cinematografiche, come testimoniano questi video.
SKY WRITING (Who will she choose?): video1, video2.

Altri esempi di messaggi pubblicitari nel cielo (che non hanno nulla a che fare con le scie chimiche): video3, video4

Ciò che si vede nel cielo quasi ogni giorno, invece, sono delle candide scie bianche molto diverse dalle scie di condensazione. [7]  

I veri messaggi subliminali si nascondo piuttosto nelle immagini pubblicitarie o nei cartoni animati. Ma anche su questo aspetto della faccenda Focus non dice esattamente come stanno le cose.


cartoon%20-%20the%20cars%20%285%29

 "Con le ruote

I complottisti: gli autori del film d'animazione Cars hanno inserito apposta le scie chimiche (più larghe delle tradizionali) nei disegni, per abituarci all'idea che queste tracce siano "normali".

Gli autori di Cars ribattono che si tratta solo di un tocco di humor: le scie degli aerei [..] sono create usando la traccia di un copertone di Tir."

Questa volta "i complottisti di Focus" non hanno tutti i torti. Forse non ci rendiamo conto ma siamo continuamente bersagliati da immagini che riportano scie nel cielo del tutto simili alle scie chimiche. Abbiamo dedicato ampio spazio a questa "moda" nella sezione "Disinformazione".

Riteniamo che una scia in una scena di un film o in una pubblicità può capitare, ma quando ne vediamo in quantità così elevata ci chiediamo se effettivamente sia normale. Le vediamo ovunque: nei film e nei telefilm, nelle immagini pubblicitarie, nei banner sul web, negli spot in tv, in articoli di giornali e riviste  (oh, da quale rivista provengono le prime foto?), in immagini sul web, e in articoli sul web

Proprio non capiamo il "tocco di humor" che hanno gli autori di molti film di animazione, forse Focus è più bravo di noi a comprendere il senso di disegnare scie e scie nei cartoni animati destinati ai bambini. [8] [9] [10]

Inoltre, ci avrebbe fatto piacere che Focus ci avesse spiegato anche il motivo di certi programmi "educativi" destinati ai bambini di ogni età. 

 

071207_1

"Spruzzi gelidi
Qualche cospirazioniste insinua che foto come queste testimoniano l'esistenza di aerei appositamente costruiti per il rilascio di sostanze chimiche.

Gli Ingegneri aeronautici, invece, spiegano che si tratta di un irroratore per test antighiaccio: pesca acqua da cisterna a bordo e la spruzza addosso a un aereo da collaudare (che lo segue in volo)."

Secondo sciechimiche.org, che non sono queste le foto che testimoniano l'esistenza di aerei appositamente costruiti per il rilascio di sostanze chimiche. Questi aggeggi vengono utilizzati dalle aziende statunitensi, come ad esempio la  Weather Inc, per modificare il clima a pagamento di privati o aziende agricole.

Osservando il cielo, si sono osservati dei velivoli che rilasciavano, dai motori, scie lunghe e persistenti, molto diverse dalle scie di condensazione

Osservando questi velivoli, si sono notate alcune strane particolarità, come ad esempio l'assenza di livree identificative. Aerei che "sono stati identificati come tanker militari. Si tratta di aerei che strutturalmente e nelle dimensioni sono identici ad un classico aereo di linea, ma al loro interno non hanno sedili ma delle cisterne o serbatoi che servono a contenere carburante per rifornire in volo altri tipi di aerei tipo caccia militari o  bombardieri che non avendo una lunga autonomia di volo devono per missioni di guerra lontane dalla base di decollo oppure per  voli di lunga durata devono rifornirsi senza atterrare in un aeroporto allora fanno il pieno in volo." [11]

 
Finora ci siamo soffermati soltanto su alcuni commenti alle immagini che accompagnano il servizio, ora invece passiamo ad analizzare l'articolo. Già dalle prime righe si intuisce il tenore "scientifico" di tutte le sei pagine dedicate al fenomeno:

 "Disegnato nei nostri cieli, sotto forma di scie apparentemente innocue (ma in realtà composte da pericolosi agenti chimici), c'è un grande complotto, voluto dai potenti della Terra per addomesticare il clima e le menti umane".

Secondo sciechimiche.org, nei nostri cieli ci sono delle scie che non si comportano come le normali scie di condensazione degli aerei. Nessun complotto, sono una semplice osservazione del cielo

 
Focus sostiene che "l'ipotesi del complotto ha un'origine ben precisa: un messaggio pubblicitario su Internet nel settembre 1997 dallo statunitense Richard Finkie".

La preoccupazione sulle scie anomale avvistate nel cielo è iniziata verso la metà degli anni '90 ed è partita da comuni cittadini che, a loro spese, hanno effettuato delle analisi al suolo. [12]

 
"Per indicare queste presunte scie anomale fu coniato un termine: "chemtrails", da "chemical trails". Cioè "scie chimiche"."

Il termine "chemtrails" è apparso in documento ufficiale: lo Space Preservation Act 2001. Nel quale le chemtrails "vengono definite come una tipologia di arma e vengono menzionate nella sezione "armi esotiche" insieme ad altri voci quali: armi al plasma, elettromagnetiche, soniche, ultrasoniche, psicotroniche, sistemi ULF (ultra low frequency) ad alta quota, sistemi di armi laser, armi biologiche e ambientali." [13]  

 
"Ma che cosa dicono, esattamente, i complottisti? Innanzitutto che gran parte delle scie che vediamo in cielo sono prodotte da aerei che spruzzano sostanze chimiche nell'aria. Non soltanto pesticidi, come si diceva all'inizio, ma anche cloruro di sodio, cioè le stesse sostanze che sono state sperimentate per evitare le grandinate".

Mentre i complottisti menzionati continuamente da Focus usano termini come "spruzzare" e si dimostrano sicuri della presenza di "cloruro di sodio" nelle scie chimiche, sciechimiche.org si pone delle domande. Dal momento che quelle scie bianche nel cielo NON sono scie di condensazione, che cosa sono?
 

"La prova, dicono i complottisti, sarebbe l'esistenza stessa di nubi inspiegabili, come quelle con il "buco". Ci sarebbero, poi, anche scie composte da polveri a base di alluminio e bario, che avrebbero lo scopo di mitigare il riscaldamento globale. Lo dimostrerebbe l'esistenza di strani ammassi nuvolosi di colore lattiginoso, giallo o marrone, che si formano dal disfacimento delle scie. E ci sarebbero scie create apposta per alterare la conducibilità elettrica dell'aria. I militari le userebbero come gigantesche antenne anche in caso di guerra, quando le normali comunicazioni sono interrotte".

Secondo sciechimiche.org, le scie chimiche non hanno lo scopo di mitigare il riscaldamento globale, il quale verrà utilizzato come giustificazione per  far accettare le operazoni di aerosol e farle passare "come soluzione drastica ma necessaria allo sconvolgimento climatico di cui noi esseri umani siamo la principale causa". [14]

Va sottolineato che esistono numerosi documenti che riguardano la geoingegneria, come ad esempio "Albedo Enhancement by Stratospheric Sulfur Injections: A Contribution to Resolve A Policy Dilemma?" del premio Nobel per la chimica P. Crutzen oppure "Global Warming and Ice Age" di E.Teller, oppure "Stratospheric Welsbach seeding for reduction of global warming".

In questi documenti vengono descritte tecniche di irrorazione di sostanze chimiche (in particolare ossidi di metalli) tramite aerei al fine di contrastare il riscaldamento globale e proteggere la Terra dai raggi solari, creando una sorta di barriera o specchio formata da aerosol. Tra le sostanze citate quello più menzionato è l'alluminio per via delle sue capacità riflettenti.

Per quanto riguarda le comunicazioni, esistono numerosi progetti atti ad incrementare le comunicazioni radar. Tra questi possiamo citare "Method and apparatus for altering a region in the earth's atmosphere, ionosphere, and/or magnetosphere" di Eastlund, nel quale descrive un metodo per facilitare la propagazione delle onde elettromagnetiche vengono rilasciate sostanze chimiche nell'aria, tra cui il bario. Queste tecnologie possono essere utilizzate anche per distruggere le comunicazioni terrestri spaziali e marine, sia in campo civile che militare.

Sempre questo brevetto descrive alcune tecniche di modifica climatica ed è, insieme ad altri 11 brevetti, la base del sistema Haarp. Brevetti che sono stati acquistati dalla E-System, ditta specializzata nella produzione di apparecchiature elettroniche da guerra, sistemi di navigazione e riconoscimento, inclusi "dispositivi di spionaggio tecnologicamente avanzati". [15] Brevetti che sono alla base del progetto H.A.A.R.P., del quale Focus torna a parlare.


"Il quartier generale di tutto questo sistema si troverebbe in Alaska: qui ci sono, infatti, le installazioni di Haarp, un programma di ricerca sulla ionosfera avviato nel 1990 dalla difesa Usa in collaborazione con molte Università. In realtà si tratta di un centro che si occupa di comunicazioni militari e civili, e di sistemi di navigazione marittima. Ma secondo i cospirazionisti, il suo vero scopo è l'alterazione delle condizioni atmosferiche e il controllo mentale delle masse attraverso onde elettromagnetiche. Quello che nessuno spiega è chi esattamente, e perché, avrebbe pianificato una simile azione criminale, che si spingerebbe fino a scatenare strane epidemie influenzali".

Secondo Focus, quindi, il parlamento europeo e quello russo sarebbero i "cospirazionisti". Per comprendere meglio cosa sia H.A.A.R.P. vi rimandiamo alle dichiarazioni ufficiali e agli approfondimenti sulle sue potenzialità.  Il collegamento tra H.A.A.R.P. e le scie chimiche invece è spiegato in questa pagina.

 

"Ma di fronte a queste incredibili accuse, come reagiscono gli scienziati? Dicendo, in coro, che il fenomeno non esiste: esistono solo scie "normali", quelle che rilasciano tutti gli aerei in volo tra 8 e 13 Km di quota, in determinate condizioni di temperatura (al di sotto – 40 °C) e umidità relativa (60-70%)."

Innanzi tutto ci preme fare una piccola precisazione: le scie di condensazione non si formano a "particolari valori di umidità relativa quali 60-70 %", piuttosto "ad una umidità relativa non inferiore al 70%".

Non appare alcun riferimento ad aerei con scia a seguito avvistati al di sotto gli 8 Km di quota. Non appare alcun riferimento alle anomalie che si possono notare osservando le scie degli aerei, alle diverse tipologie che esistono.  Se fossero scie di condensazione, non dovrebbero comportarsi tutte più o meno allo stesso modo? 

La formazione di una scia di condensazione è legata a ristrette condizioni atmosferiche, spiegate nel dettaglio inella pagina "Condensazione e Fisica ".


"Le scie non ci sono sempre (per questo a volte non si vedono). Si formano quando il vapore acqueo è "sovrassaturo": in tal modo caso condensa, generando microgocce che diffondono la luce" spiega Antonio Zecca, docente di fisica all'Università di Trento."

Per quali valori dei parametri atmosferici le scie di condensazione possono perdurare delle ore non viene specificato. Se la formazione delle scie di condensazione è legata determinate valori di temperatura, umidità relativa e quota; la loro permanenza è legata a parametri ulteriormente restrittivi. [16]

 
Continua Antonio Zecca: "Semplificando, si vedono meglio quando il tempo sta passando dal bello al brutto". L'effetto può persistere per ore, spandendosi per migliaia di KM2 e creando nubi indistinguibili dai cirri naturali."

Se è in avvicinamento un fronte nuvoloso, significa che l'aria è più umida e quindi possono aumentare le probabilità sulla formazione di scie di condensazione. Ciò che ci è poco chiaro è come mai, in seguito all'avvistamento di un fronte nuvoloso in avvicinamento e di numerose scie bianche, non si assiste ad alcuna precipitazione piovosa. Sul nostro sito abbiamo portato l'esempio emblematico del 22 gennaio 2007: un fronte nuvoloso in avvicinamento ben visibile dal satellite e centinaia di scie bianche nel cielo di tutta Italia. 

 

Quella settimana (ma anche tutto l'inverno 2006-2007) è stata caratterizzata da un caldo anomalo (temperature che hanno sfiorato i 25 °C) e assenza di pioggia. Dal momento in cui le scie visibili dal satellite erano anche visibili ad occhio nudo e dal momento in cui anche gli aerei erano visibili ad occhio nudo (sarebbero stati avvistati anche in assenza di scie al seguito), è poco chiaro come mai proprio in quel giorno il traffico aereo (civile? O militare?) sia così notevolmente aumentato.

Focus prosegue il suo articolo parlando di additivi ai carburanti per scopi scientifici (e specifica: non a scopi offensivi), come ad esempio sperimentare un metodo per "cancellare le scie" e asserendo che "tutto ciò non ha nulla a che fare con le scie chimiche.". Su questo punto siamo dello stesso parere.

La "teoria delle scie chimiche" si basa su una documentazione molto ampia. L'impiego di aerei per spargere sostanze chimiche nell'atmosfera appartiene alle tecniche di modificazione del clima. La storia del controllo del climatico ha inizio alla metà del secolo scorso. Molte di queste tecnologie sono state utilizzate anche per scopi bellici. 

Secondo Focus, "le scie nei cielo sono aumentate molto negli ultimi 20 anni" poiché "il traffico aereo è quintuplicato." Secondo l'ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), invece, le numerose scie bianche che vediamo nel cielo non sono imputabili all'aumento del traffico aereo civile. [17]
Ciò significa che, se sono legate all'aumento del traffico aereo ma non quello  civile, sono collegate all'aumento del traffico aereo militare? E se sono aerei militari, non è forse un nostro diritto sapere che cosa fanno sulle nostre teste? [18]

In fondo alla seconda pagina dell'articolo, Focus invita i lettori ad inviare foto di scie e nubi strane che verranno poi commentate da un esperto. Chissà se l'esperto è in grado di spiegarci come mai un aereo con quattro motori rilascia due coppie di scie completamente diverse? Due massa d'aria con caratteristiche fisiche diverse e un aereo che passa esattamente sul confine ben delineato tra le due masse, oppure due motori diversi montati su uno stesso aereo?
 

071207

 


Agli utenti che desiderano leggere l'articolo originale, consigliamo di non recarsi in edicola. Ci sono molte biblioteche che mettono a disposizione riviste in consultazione. Noi di sciechimiche.org abbiamo fatto così poiché riteniamo che spendere 3,00 per essere disinformati sia un'esagerazione.